Oggi giovedi' 23 maggio 2019 le Chiese Ortodosse commemorano San Michele, vescovo di Sinnade, confessore  (†826), mentre le Chiese Cattoliche celebrano San Giovanni Battista de Rossi.

 

 

ABUNA YESEHAQ 

L'APOSTOLO ORTODOSSO DEI CARAIBI

 

Veramente pochi crediamo, sono quelli che conoscono la storia di Abuna Yesehaq, vale a dire Sua Eminenza l'arcivescovo Yesehaq, dell'emisfero occidentale (al secolo Laike Maryam Mandefro) nato nel 1933 ad Adwa, in Etiopia è stato monaco del famoso monastero di Debra Libanos, in Oronia, e nel 1970 fu inviato dall'Imperatore Haile Selassie I in Giamaica, per riportare i rastafariani sulla retta dottrina ortodossa. In Giamaica si dedico' con molto fervore alla missione assegnatagli, tanto che si dice che egli abbia personalmente battezzato oltre 45.000 persone.

Nel 1979 fu nominato Arcivescovo Primate della Chiesa Ortodossa Etiope per l'emisfero occidentale e l'anno successivo conobbe la notorietà quale Padrino e guida spirituale del cantautore e chitarrista giamaicano Bob Marley maggior esponente della musica reggae, il quale fu battezzato alla fede ortodossa il 4 novembre 1980 nella Chiesa etiope di New York.

 

Quando Bob Marley morì a seguito di un melanoma maligno, Abuna Yesehaq presiedette il suo funerale  allo stadio nazionale di Kingston (Giamaica).

L'opera di apostolato di Abuna Yesehaq è stata incessante tanto che a lui fa riferimento la costituzione di più di 70 congregazioni con oltre 300.000 membri, per la maggior parte nei Caraibi.

Questo straordinario apostolo dell'ortodossia è morto il 29 dicembre 2005  a Newark (New Jersey, USA) e  fu sepolto per sua espressa volontà in Giamaica dove è tumulato nel mausoleo sito nella Cattedrale della Santissima Trinità di Kingston.

Si tratta quindi della storia di una delle figure più interessanti dell'Ortodossia contemporanea.

Buona Santa Pasqua a tutti!!!

 

Oggi, Grande e Santo mercoledi' 17 aprile 2019 le Chiese Ortodosse commemorano San Simeone Ieromartire, mentre le Chiese Cattoliche celebrano San Roberto di La Chaise-Dieu, Abate.

Anche la Chiesa Ortodossa Italiana, si associa al dolore simbolico che l'incendio della cattedrale di Notre Dame, ha provocato nel mondo Cristiano, e non solo.

Tuttavia come insegna l'esperienza del "martirio di fuoco" di San Jacques de Molay, che si svolse proprio davanti a quella cattedrale anch'essa, oggi, bruciata, il fuoco distrugge, ma al contempo, purifica. Così come i Cavalieri del Tempio, infatti, sopravvissero in clandestinita' arrivando appunto, ai nostri giorni, così non sarà l'incendio di Notre Dame ad abbattere il Cristianesimo, anzi lo rafforzerà come dimostrano le preghiere spontanee di migliaia di persone di fronte alla chiesa in fiamme, e chissà che finalmente la Francia, non inverta la rotta abbandonando il laicismo di stato, che sempre più nel tempo ha sconfinato verso il relativismo culturale e l'ateismo che, a nostro avviso sono la causa principale dei mali della società europea odierna, dominata dall'ossessione del denaro, cosa importante certo, ma destinata a perire con ognuno di noi anziche' dallo Spirito. Ecco perche' animati dalla speranza, ed ispirati dallo Spirito, mostriamo Notre Dame, non distrutta ma nel suo splendore originario.

 

 

Evanghelion Ortodosso di oggi, domenica 14 aprile 2019

+ Giovanni 12,1-18 +

 

Sei giorni prima della Pasqua, Gesù andò a Betània, dove si trovava Lazzaro, che egli aveva risuscitato dai morti. E qui gli fecero una cena: Marta serviva e Lazzaro era uno dei commensali. Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell'unguento. Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: «Perché quest'olio profumato non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?».

Questo egli disse non perché gl'importasse dei poveri, ma perché era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me».

Intanto la gran folla di Giudei venne a sapere che Gesù si trovava là, e accorse non solo per Gesù, ma anche per vedere Lazzaro che egli aveva risuscitato dai morti. I sommi sacerdoti allora deliberarono di uccidere anche Lazzaro, perché molti Giudei se ne andavano a causa di lui e credevano in Gesù. Il giorno seguente, la gran folla che era venuta per la festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, prese dei rami di palme e uscì incontro a lui gridando:

Osanna!

Benedetto colui che viene nel nome del Signore,

il re d'Israele!

Gesù, trovato un asinello, vi montò sopra, come sta scritto:

Non temere, figlia di Sion!

Ecco, il tuo re viene,

seduto sopra un puledro d'asina.

Sul momento i suoi discepoli non compresero queste cose; ma quando Gesù fu glorificato, si ricordarono che questo era stato scritto di lui e questo gli avevano fatto. Intanto la gente che era stata con lui quando chiamò Lazzaro fuori dal sepolcro e lo risuscitò dai morti, gli rendeva testimonianza. Anche per questo la folla gli andò incontro, perché aveva udito che aveva compiuto quel segno.

 

Esegesi:

 

Questo passo dell'Evanghelion di Giovanni, e' molto duro, ma anche, ahinoi, molto attuale, in quanto mostra l'infedelta' di Giuda, gia' prima del tradimento, definendolo senza giri di parole, ladro.

E la risposta di Gesu' e' altrettanto dura, perche' se da un lato, rivela la natura messianica del Cristo, che era in grado di sapere cio' che sarebbe successo qualche giorno piu' tardi, col Suo Sacrificio, dall'altra, suona come una condanna senza appello per il ladro stesso.

Dire, infatti, come Gesu', "i poveri li avete sempre con voi" smaschera la cattiva coscienza del falso apostolo, ponendo, ad essa la domanda: "Come posso aiutare i poveri se penso solo ad accumulare denaro per me?"

Ovviamente, cosi' come stava scritto, e doveva essere, Giuda, non si e' posto tale domanda, ed ha perseguito nel suo infame tradimento di Cristo, ma cosa ci ha guadagnato, alla fine? 

Solo la dannazione eterna, anche terrena, perche' noi sappiamo che esiste l'inferno, ma anche abbracciando la teoria della negazione dell'esistenza di quest'ultimo, il nome di Giuda, resta impresso nella memoria dell'uomo, anche oggi, come simbolo di tradimento ed infamia, e quindi se pure il diavolo non esistesse, Giuda, e' stato comunque condannato ab aeternum dagli uomini.

Quindi noi che viviamo, oggi, in questi tempi difficili, dove sembra predominare la philosophia materialista del "mio", al posto di quella spirituale dell'io, dobbiamo porci la domanda, alla quale la coscienza di Giuda sfuggi':  "Come posso aiutare i poveri se penso solo ad accumulare denaro per me?"

La risposta, a questa domanda puo' essere solo la Carita', che non va intesa come semplice elemosina di due monete a chi ne ha bisogno per lavarsi, appunto, la coscienza, ma come "Coscienza della Condivisone Caritatevole", che e' concetto ben piu' ampio, e spirituale. Occorre, oggi piu' che mai riconsiderare il proprio essere Cristiano, e Cristiano Ortodosso, che non vuol dire essere piu' puro, o migliore degli altri Cristiani, ma essere in qualche modo custode della tradizione Cristiana piu' autentica, ed orientarsi verso non il rifiuto del mondo terreno, e dei suoi beni, scelta radicale, riservata solo a pochi, grandi Santi nella storia, ma verso un utilizzo piu' condiviso dei propri beni materiali, per aiutare chi ha bisogno secondo le nostre possibilita' per non impoverirsi a nostra volta. Guardiamo Gesu' che proprio nel finale del passo dell'Evanghelion odierno, si presenta, fieramente come un Re senza corona, e senza scettro, non a cavallo di un detstriero purosangue, ma di un asino, tranquillizzando i potenti, riguardo la Sua volonta' di dominio sul mondo, ma prendendosi anche gioco di loro, che si illudevano di avere potere, senza capire che il vero potere non e' di questo mondo, soggetto ai limiti temporali della vita umana.

+

Oggi lunedi' 8 aprile 2019 le Chiese Ortodosse commemorano i Santi Erodione, Agabo, Rufo, Asincrito, Flegonte ed Erma, del gruppo dei 70 discepoli, mentre le Chiese Cattoliche celebrano San Dionigi di Corinto, Vescovo.

Oggi giovedi' 4 aprile 2019 le Chiese Ortodosse commemorano i Santi Teodulo ed Agatopodo Martiri mentre le Chiese Cattoliche celebrano Sant'Isidoro di Siviglia, Vescovo e dottore della Chiesa. 

Nella foto che segue potete vedere il nostro Legittimo Primate, Monsignor Ireneo, in un cordiale incontro, svoltosi a Firenze nei giorni scorsi, col Patriarca Cattolico di Siria, Ignace Joseph III Younan.

Evanghelion Ortodosso di oggi, domenica 31 marzo 2019

+ Marco 8 34-9 1 +

 'Poi Gesù chiamò la folla insieme con i discepoli e disse: 'Se qualcuno vuol venire dietro a me, smetta di pensare a se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Chi pensa soltanto a salvare la propria vita la perderà; chi invece è pronto a sacrificare la propria vita per me e per il Vangelo la salverà. Se un uomo riesce a guadagnare anche il mondo intero, ma perde la sua vita, che vantaggio ne ricava? C'è forse qualcosa che un uomo possa dare per riavere in cambio la propria vita? Se uno si vergognerà di me e delle mie parole di fronte a questa gente infedele e piena di peccati, anche il Figlio dell'uomo si vergognerà di lui quando ritornerà, glorioso come Dio suo Padre, insieme con i suoi angeli santi. E aggiungeva: 'Io vi assicuro che alcuni tra quelli che sono qui presenti non moriranno, prima di aver visto il regno di Dio che viene con potenza'.

 

Esegesi:

 

Seguire Cristo è una scelta libera perché è una scelta d'amore; e non vi può essere amore senza libertà.

Ma seguire Gesù è anche una scelta scandalosa: significa croce assicurata per tutti indistintamente.

Ed è su questo punto centrale e decisivo che avviene lo scontro tra la vera fede od il rifiuto di essa.

La vocazione definitiva del cristiano è la partecipazione alla morte e alla risurrezione di Cristo per la salvezza propria ed altrui. San Pietro, ad esempio aveva, in precedenza proclamato che Gesù era il Cristo e sembrava quindi un credente, in realtà, egli non accettava il significato più profondo della messianicità di Cristo: la croce.

La fede è un modo di vivere, non di teorizzare; un modo di vivere e di morire come Cristo.

Ed è la morte il vertice della vita, perché liberandoci completamente dall'egoismo, ci rende capaci del più grande e definitivo atto d'amore per Dio.

La croce che dobbiamo prendere e portare è la lotta continua contro la nostra falsa autoaffermazione.

La croce è il supplizio degli schiavi. Il cristiano, come il Cristo, deve vivere come servo di tutti e padrone di nessuno. Rinnegare se stessi è la piena realizzazione dell'uomo perche' significa vincere il falso io che porta all'egoismo, radice di tutti i mali.

L'uomo sentendosi piccolo, insignificante e stupido, vuole affermarsi facendosi ricco, potente ed orgoglioso. Ma è un inganno. Egli infatti si realizza solo quando diventa come il suo Dio, di cui è immagine. E Dio è amore, dono, servizio, povertà, umiltà. La salvezza dalla morte dipende dalla nostra presa di posizione nei confronti di Gesù e del suo vangelo.

Il nostro destino eterno è legato alla nostra fedeltà o infedeltà alla sua parola. Prendere la propria croce significa fare proprio il destino di Gesù e renderlo visibile di fronte agli uomini: un destino di morte e risurrezione che va vissuto fino in fondo, aldila' ed a dispetto dei sacrifici che tale scelta impone.

Omaggio all'antico monastero di Sergiev Posad

L'immagine sopra riportata, e' un'istantanea, scattata ai primi del '900, e ritoccata con le moderne tecniche digitali che ritrae tre monaci, all'interno del monastero di Sergiev Posad, localita' a circa 70 chilometri da Mosca, che e' uno dei piu' importanti centri spirituali Ortodossi.

Fondato, intorno al 1345, da Sergio di Radonez, il monastero della Santissima Trinita', e', infatti, meta di incessanti pellegrinaggi. Ma nel XVII secolo, il monastero fu al centro, anche di importanti eventi storici.

Nel 1608, infatti, durante la cosiddetta epoca dei disordini, i monaci resistettero all'assedio dell'esercito polacco, ed intorno al 1680, l'ancor giovane, Pietro il Grande vi trovo' rifugio, durante la rivolta degli Strelitzi.

Il monastero venne chiuso nel 1919, e riapri nel 1946 diventando, fino al 1988, la sede del patriarcato di Mosca.

Oggi giovedi' 28 marzo 2019 le Chiese Ortodosse commemorano Sant'Ilarione il Giovane, mentre le Chiese Cattoliche celebrano San Sisto III, Papa. 

+

Oggi mercoledi' 27 marzo 2019 le Chiese Ortodosse commemorano Santa Matrona di Salonicco Martire, mentre le Chiese Cattoliche celebrano San Ruperto Vescovo.

Cliccando su questo link:    

www.facebook.com/Official.Agenda.Media/videos/614789732299670/  

potrete visualizzare le splendide architetture ortodosse di San Pietroburgo

Oggi martedi' 26 marzo 2019 le Chiese Ortodosse commemorano l'Arcangelo Gabriele, mentre le Chiese Cattoliche celebrano i Santi Martiri Emanuele, Sabino, Quadrato e Teodosio, insieme ai loro trentasei Compagni Martiri

Cliccando su questo link:  

youtu.be/MqQDj5KtIh4?fbclid=IwAR1pA6HRZWoNULPCO9vBhqVNJlISLcZ5Yq7jRhqPPOkeMP7tBLYN5fzc1f0  

potrete visualizzare un'interessante conferenza che smentisce la stramba, ed illogica teoria del Cristianesimo Anonimo di Karl Rahner (Friburgo in Brisgovia, 5 marzo 1904 – Innsbruck, 30 marzo 1984), che e' stata una delle bizzarrie teologiche alla base del Concilio Vaticano II

 

La chiesa Cattolica Greco Melkita di Maaloula, presso Damasco in Siria, e' uno dei piu' antichi insediamenti cristiani del mondo, i cui abitanti parlano ancora l'Aramaico, la lingua madre di nostro Signore Gesu' Cristo-

 
 

Oggi lunedi' 25 marzo 2019 si celebra l'Annunciazione

+

La celebrazione dell'Annunciazione ci impone una riflessione su quella che potremmo definire come La vocazione di Gesù.

La vita negli esseri più alti si realizza con il loro scopo che è la loro natura ed il loro spirito. Ma l'ultima parola è sempre e in tutto ciò che controlla la vita, che crea lo scopo, che ha creato la natura e che ha suggerito lo spirito e che e' Dio.

Questi aspetti tra Dio e l'uomo prescelto sono sempre misteriosi, e quando il mistero si fa più profondo, ci vuole la capacità completa di comprendere la forza, e la potenza dello Spirito senza la quale, e' impossibile analizzare tali aspetti. 

Gesù, invece, ci ha rivelato il suo indicibile rapporto con Dio, la sua vocazione e la sua natura, il suo lavoro e la sua persona: ha disegnato la sua immagine ed ha raccontato la sua vita con gli atti da lui compiuti.

Lo spirito scettico che vuole giudicare la lezione che Gesù ci ha dato, e desidera andare oltre ai propri limiti, magari usando, a fini strumentali la scienza e la tecnologia, non arriva a capire che tale lezione è soprannaturale: non capirà mai Gesù, ma cercherà di distorcerne la figura per provare a sostituirsi a lui. Per capire e comprendere le creature sopra di noi come Gesu', invece dobbiamo credere ed amare!

Solo la Fede e l'Amore, infatti suggeriscono una visione più chiara, e più nitida della discesa della Fiamma dello Spirito Paraclito.

L' anima umana ha due case per il mondo terreno che prima o poi crolleranno, attraverso la morte fisica: la natura e l'umanità, ed un rifugio per il mondo ultraterreno che è incrollabile, ed eterno, essendo il più grande, ed il più potente di ogni cosa: Dio 

Inutile quindi affannarsi, oltre ogni limite, spendendo tutte le nostre energie per ottenere beni materiali che, pure, sono importanti su questa dimensione ma periranno comunque con noi. E' quindi meglio lavorare su se' stessi, nel proprio io per consacrarsi a Dio, perchè, anche in questo mondo la vita più sacra è, più forte è.

Gesù, infatti aveva solo la terra che calpestava nei suoi viaggi, per contattare l'umanità, eppure, oggi tutto il mondo conosce il suo messaggio, perchè egli non ha vissuto la sua vita reale sulla terra, nell'umanità, ma in Dio.

Il talento superiore di un uomo si unirà a Dio assumendone la stessa volontà e lo stesso significato, ma per arrivare alla fusione piena con la bellezza dell'essenza divina, e' necessario conoscere Dio, amarlo, ed obbedire alle sue leggi, insistendo in tali azioni, perchè l'autocontrollo umano, è debole, e l'obbedienza alle leggi divine è incerta ed anche le persone più perfette possono inciampare, e cadere profondamente nella schiavitù della natura e della miseria umana. Ma in aiuto dell'uomo, in tali difficoltà arriva la Fede che è caratterizzata da un'espressione misteriosa che trasforma l'uomo in Dio, e che lo definisce, in una fusione sostanziale e personale, così come la natura umana e divina si è incontrata in Cristo, che sentiva davvero di essere il Figlio di Dio, non per una sensazione confusa del divino, che è una caratteristica dell'esperienza mistica che però lascia avvolto nel mistero, il rapporto tra Dio, e tutte le creature, ma perchè, Cristo, era totalmente puro e luminoso, quanto Dio stesso, ecco perchè Gesù è il significato più pieno profondo, e vero del Figlio di Dio, e come ci ricorda il Vangelo di San Marco di ieri: non si era mai vista una cosa del genere nell'umanità!

Evanghelion Ortodosso di oggi, domenica 24 marzo 2019

+ Marco 2,1 - 12 +

Qualche giorno dopo Gesù tornò in città, a Cafàrnao, e si sparse la voce che egli si trovava in casa. Allora venne tanta gente che non c'era più posto per nessuno, nemmeno di fronte alla porta. Gesù parlava alla folla e presentava il suo messaggio. Vennero anche alcune persone che accompagnavano un paralitico, portato in barella da quattro di loro; ma non riuscivano ad arrivare fino a Gesù a causa della folla. Allora scoperchiarono il tetto della casa proprio dove si trovava Gesù; poi, di lassù, fecero scendere la barella con sopra sdraiato il paralitico.

Quando Gesù vide la fede di quelle persone disse al paralitico:

'Figlio mio, i tuoi peccati sono perdonati'.

Erano presenti alcuni maestri della Legge. Se ne stavano seduti e pensavano: 

'Perché costui osa parlare in questo modo? Egli bestemmia! Solamente Dio può perdonare i peccati!'.

Ma Gesù conobbe subito i loro pensieri e disse:

Perché ragionate così dentro di voi? È più facile dire al paralitico: Ti sono perdonati i tuoi peccati, oppure dire: Àlzati, prendi la tua barella e cammina? Ebbene, io vi farò vedere che il Figlio dell'uomo ha sulla terra il potere di perdonare i peccati.

Poi si voltò verso il paralitico e gli disse: 

 Dico a te: àlzati, prendi la tua barella e va' a casa tua!

Mentre tutti lo guardavano, l'uomo si alzò, prese la sua barella e se ne andò via subito. Il fatto riempì tutti di stupore. E lodavano Dio e dicevano:

'Non abbiamo mai visto una cosa del genere!'.

+

 

Il Cardinal Robert Sarah ha appena pubblicato una nuova opera, al momento disponibile solo in francese, ed intitolata: "Le soir approche et dejà le jour baisse", nella quale offre le chiavi per mantenere la speranza, malgrado la credibilità della Chiesa Cattolica di Roma, sia in discussione forse come mai prima, e la Chiese Ortodosse attraversino un momento di difficoltà epocale nei rapporti tra ciascuna di esse.

 

La nostra Chiesa Ortodossa Italiana, è lieta di annunciare, che da ieri, 22 marzo 2019, il nostro Legittimo Primate, Monsignor Ireneo, e' stato nominato Vicario per le Missioni Ucraine ed Orientali, e Membro del Santo Sinodo, del Patriarcato Ortodosso delle Nazioni, con sede a Parigi.

 
 

Che Dio benedica il nostro Legittimo Primate, Monsignor Ireneo +

 

Cliccando su questo link youtu.be/eXKnFuJopOI potrete visualizzare il video di Prem Rawat, Global Peace Ambassador che ci invita ad amare, e rispettare la vita, nostra, ed altrui come un miracolo di Dio

 

Cliccando su questo link www.facebook.com/773391616330348/videos/2384980654854617/

potrete visualizzare il video contenente la toccante testimonianza di un Musulmano convertitosi al Cristianesimo 

 

 

 
 

 

 
 
 
 
contatori visite